ott

28

grazie alle isole Borromee

Al termine di questa stagione 2018, possiamo giungere a qualche considerazione sulla nostra bellissima zona in generale ma anche più dettagliatamente sulle isole Borromee.

 

Innanzi tutto il mio più grande grazie va alla Famiglia Borromeo per il costante contributo ed impegno che mette nel migliorare le sue già bellissime isole, con loro ringrazio anche tutte le persone che contribuiscono a tale scopo, che vanno dall'amministratore dott. Russo con tutta la sua famiglia ed a tutto lo staff composto da tutti i collaboratori siano essi a tempo indeterminato che stagionali, a tutti coloro che si occupano dei palazzi come dei giardini tra i quali va sicuramente nominato Gianfranco Giustina (che  il 10 aprile 2014, dalla royal horticulhtural society di Londra, una delle istituzioni più importanti del pianeta nel campo della floricultura, ha ricevuto la RHS Memorial Medal, riconoscimento assegnato ogni anno alla persona che ha più contribuito nel mondo, alla conoscenza scientifica nel giardinaggio). Chiunque visiti i giardini delle isole bella e madre potrà accorgersi del continuo miglioramento degli stessi dovuto alla ricerca incessante di nuove specie da inserire in un contesto già meraviglioso.

 

Penso che tutti noi che operiamo nel turismo di questo bellissimo lago,  dovremmo perdere qualche minuto per riconoscere l'importanza che la famiglia Borromeo ha sul nostro territorio, senza dimenticare delle ultime imprese, che sono il rinnovamento degli impianti di risalita al Mottarone e la riapertura della villa Pallavicino, che era ormai chiusa, perchè così facendo i Borromeo assicurano benessere e stabilità alle numerosissime famiglie che per loro lavorano.

 

Un Grande grazie va anche a tutti i componenti della Famiglia Borromeo che pur senza volerlo pubblicizzano il nostro lago, organizzando i loro matrimoni all'interno delle isole Bella, Madre e San Giovanni oppure nel castello di Angera, ogni volta che fanno parlare di loro in qualche modo creano interesse nelle persone verso i nostri luoghi sia in Italia che all'estero.

 

Concludo con l'unico neo che in questo contesto si possa attribuire all'amministrazione Borromeo e cioè che la stagione turistica che per tutte le nostre attività è legata all'apertura dei palazzi e giardini,  duri troppo poco, ovvero 7 mesi, dalla fine di marzo alla fine di ottobre. Al di fuori di questo periodo tutto sul lago sembra spegnersi e diventare zona depressa,  dal canto mio ogni anno mi chiedo per quale motivo non si possano aprire anche solo i giardini dell'isola bella dando così l'opportunità ai turisti che comunque transitano nelle nostre zone di poter godere di tanta bellezza, sono convinto che così molte strutture, alberghi ristoranti ecc, avrebbero motivo per restare aperti anche nel periodo invernale, dando modo ad ulteriori manifestazioni la possibilità  di svilupparsi rendendo questa zona bellissima anche d'inverno, penso al successo della grotta di babbo Natale che attira ad Ornavasso migliaia di persone da tutt'Italia e che sapendo i giardini aperti sicuramente vorrebbero visitarli.

 

In fine restano comunque i ringraziamenti più sentiti per il signor Principe e per tutta la sua famiglia, ai quali auguro tanta serenità e con me penso che si possano unire tutti gli operatori del turismo.

 

Cordialmente, Fulvio Lazzaro